Il Galateo Natalizio

Il Galateo natalizio prevede comportamenti e regole per ogni situazione, spesso neanche così scontate!
Immaginate di aver organizzato una festa per Natale: avete cucinato tutto il santo giorno preparando diversi tipi di leccornie, dolci, antipasti, primi, secondi e contorni. A questo punto cosa vi resta da fare? Apparecchiare la tavola!

Certo, direte voi.. un gioco da ragazzi, dopo aver preparato un banchetto da gorumet cosa c’è di più semplice? e invece è proprio li che si fanno gli errori più comuni!
Eh, sì… perché la tavola natalizia è tutt’altro che semplice da preparare!
Ci sono ovviamente diverse situazioni da tenere in considerazione: è un pranzo, è una cena? è formale o informale? per tutte queste situazioni ci sono diverse regole, tutte ben regolamentate!

E se voi siete gli invitati? cosa si indossa? e soprattutto: che cosa porto in dono? ma perché, dovevo portare un dono?

Come ci si comporta a tavola, che tipo di regali, come vestirsi e che conversazioni evitare durante la cena di natale.

Queste ed altre le domande a cui proveremo a dare una risposta con questo post.

Come invitare i propri ospiti

Gli inviti per gli ospiti dovrebbero essere scritti su un bigliettino o per email.

La regola qui però non è così rigida, e lo si può fare anche per telefono o per messaggio. Importante è dare agli invitati tutte le informazioni importanti: specificare bene data, ora, luogo, numero dei partecipanti al banchetto e soprattutto lo stile della serata (se formale o informale), in modo da evitare di creare imbarazzo tra gli ospiti.

Ovviamente in un pranzo di famiglia molte di queste formalità possono essere ignorate, fermo restando che è sempre bene informare l’ospite sullo stile della serata.

Assolutamente da evitare è l’invito tramite terzi. È sempre importante invitare tutti gli ospiti personalmente. Se siete voi gli ospiti, è fondamentale non presentarsi accompagnati da altri in modo da non creare imbarazzo ai padroni di casa.

arrivano gli ospiti: le regole per una buona accoglienza

Quando arrivano gli ospiti prendete personalmente i loro cappotti e sistemateli con cura dove non siano d’intralcio alla serata.

Sarete poi voi stessi a riconsegnarli al proprietario. Questo sarà un gesto di estrema educazione. Importante è non accatastare tutti i cappotti, in modo che se agli ospiti serve qualcosa questi non debbano scavare tra montagne di indumenti altrui.

Altro argomento molto importante sul tema galateo è la distribuzione dei posti in tavola. La padrona di casa indicherà il posto ad ognuno e poi sarà la prima a sedersi, seguita dalle altre signore e poi dagli uomini.

E’ importante non separare le coppie e riunire le donne tutte da una parte e gli uomini dall’altra, è sempre bene che ci sia un equilibrio.

Un’altra regola vorrebbe che le coppie non si siedano mai vicine al tavolo in modo che possano interagire separatamente con gli altri ospiti. Io personalmente la trovo una regola che può essere facilmente ignorata, ma ovviamente siete voi e solo voi a decidere quali regole seguire a casa vostra… 😉

Passiamo adesso al cibo:

Per prima cosa bisogna ricordarsi della regola d’oro: l‘ospite viene prima di tutto. Per questo motivo sarebbe opportuno informarsi qualche giorno prima sui gusti dei vostri invitati a tavola: è fondamentale sapere se un ospite ha intolleranze, esigenze particolari, è vegano o vegetariano, in modo che questi si senta a proprio agio durante il pranzo o la cena e non si veda costretto a non poter accettare quel che gli viene offerto.

Una volta appurato cosa i vostri ospiti non possano mangiare è il momento di decidere che cosa cucinare e soprattutto quanto. L’equilibrio è fondamentale in tavola e la soluzione migliore è quella di servire 4 portate che siano ben armonizzate tra loro. Si comincia generalmente da un antipasto, solo in alcuni casi preceduto da alcuni finger food, si prosegue con primo, secondo, dolce e frutta. Un consiglio degli esperti è quello di evitare di proporre bis, si rischia di esagerare, rendere il tutto squilibrato e impegnativo (anche per gli ospiti).

Importante è anche riuscire ad abbinare bene i vini al pasto. Se si è in dubbio, meglio optare per dello spumante durante tutto il pasto e poi abbinare il vino giusto al dolce.
Se si decide di fare anche l’aperitivo, questo andrà servito in una zona diversa da quella predisposta per il pranzo o la cena (ad esempio il salotto) e non bisognerà aspettare l’arrivo di tutti gli ospiti per servirlo, ma dovrà essere servito man mano che questi arrivano.
Dovrà essere leggero: vino, champagne o analcolico e qualche stuzzichino, senza usare piattini o posate, ma solo tovaglioli. Gli stuzzicadenti sono assolutamente banditi.

Una regola piuttosto interessante riguarda come dividere il pane. Il pane non va mai tagliato, ma spezzato con le mani.

L’acqua non dovrà mai essere presentata in bottiglie di plastica, ma in apposite caraffe di vetro. Per quel che riguarda il vino dovrà essere sempre presentato in bottiglia con etichetta e marca ben visibile. Potrà essere messo in una brocca solo dopo averlo stappato davanti ai commensali.
Pandoro e panettone, come sappiamo, non possono mancare a questi eventi. Ovviamente esistono delle regole anche per loro: il panettone va servito su un piatto da portata, intero, insieme ad un coltello seghettato. Bisogna infatti affettarlo davanti agli ospiti. Il pandoro invece va servito già affettato, tagliato in grosse fette da cui poi si ricaveranno piccole porzioni.
Pandoro e panettone, inoltre, si mangiano sempre e solo spezzandoli con le mani e mai a morsi!

E adesso…. brindiamo!

Anche per quel che riguarda il brindisi il Galateo dice la sua. Le sue regole probabilmente vanno in contrasto con quello che molti fanno a Natale: infatti, a quanto pare,  ad eccezione di capodanno, bisogna stappare la bottiglia senza far rumore. E, mi dispiace per gli astemi qui presenti, ma tutti i commensali dovranno alzarsi in piedi e brindare. Attenzione però a non far tintinnare i bicchieri! questi non dovranno toccarsi né fare rumore: dovranno solo essere accostati.

Importante è anche capire quali sono gli argomenti da evitare in tavola: una volta era assolutamente tabù parlare di sesso, religione o politica. Oggi su questo le regole sono meno rigide, è però assolutamente vietato parlare di procedure mediche, malattie e denaro. Ovviamente sono altrettanto vietati sproloqui e monologhi.

E infine i regali

Questo è sempre un argomento problematico, ma decisamente ben regolamentato. Lo scambio dei regali deve avvenire alla fine della cena, una volta sparecchiata la tavola. E’ molto carino fare un pensiero a ognuno degli ospiti, in modo che abbiano almeno un piccolo presente da scartare insieme agli altri.

Ovviamente non fate regali super costosi in modo da non mettere in imbarazzo chi ha deciso di regalare qualcosa di poco costoso.

Se siete voi gli invitati oltre al regalo è bene portare anche qualcosa ai padroni di casa. Presentarsi a mani vuote è inaccettabile. Potreste anche portare un gioco per divertirsi insieme dopo il cenone o il pranzo, è pur sempre un gesto carino e che non involve spese.
Tra le cose che possono essere portate secondo il galateo ci sono: una pianta, un centro tavola natalizio, un cesto di prodotti natalizi, un liquore o un dolce fatto in casa. Alcuni di questi regali possono essere però pericolosi in ambito formale ed è sempre meglio mantenersi sul generico, soprattutto per quel che riguarda il cibo. Altro discorso è se siete in rapporti molto familiari con chi vi ospita.  Assolutamente da evitare sono invece fiori, vini e dolci freschi o paste.

E infine… non arrivate in ritardo e neanche in anticipo! potreste intralciare i preparativi per la cena!

Siamo giunti alla fine… Le regole da seguire secondo il galateo sono tante, alcune particolari o poco conosciute. Molte sono solo regole che aiutano ad evitare imbarazzi. Certo è che ognuno ha la libertà e il privilegio di applicarle come e quanto vuole. Con la serenità e la certezza che chi invitiamo ci vuol bene e poco guarda alle formalità… 🙂

Detto questo… godetevi ogni momento delle feste in tranquillità e senza troppo stress!

 

Precedente I Colori del Natale Successivo La storia e le origini delle Cartoline di Natale

Lascia un commento