La storia e le origini delle Cartoline di Natale

Che cosa sarebbe il Natale senza i bigliettini di auguri? Chi non li ha mai fatti o ricevuti?

Almeno una volta, anche solo un fogliettino attaccato malamente ad un regalo. O magari arrivato per posta da lontano. I bigliettini di Natale: a  volte banali, altre volte tanto preziosi da far commuovere!

Origini

Le origini delle cartoline natalizie sono riconducibili a diverse tradizioni, una delle quali sono i “pezzi natalizi” con cui gli studenti nel XIX secolo mostravano ai loro genitori i propri progressi nella scrittura.

Spingendoci un poco più in là nel passato, si hanno notizie dell’usanza di inviare auguri per il nuovo anno sin dai primi anni del XV secolo. In Germania, ad esempio, si ha notizia delle cosiddette “Andachtsbilder” – figure votive. Cartoline con immagini sacre, solitamente con sopra la figura di Gesù bambino con la croce con scritto “Un anno buono e radioso”. Nei Paesi Bassi invece si era  diffusa l’usanza, tra il XV e il XVI secolo di inviare i cosiddetti Sanctjes -santini- con immagini di San Nicola.

Il primo bigliettino di auguri “ufficiale” di cui si abbiano fonti certe è stato inviato da  Michael Maier a James I di Inghilterra nel 1611. Il bigliettino conteneva immagini rosacrociane e recitava: “Un augurio nel giorno del compleanno del Sacro Re, al più venerabile ed energetico signore ed eminente James, Re della Gran Bretagna e Irlanda, e difensore della vera fede, nella più gioiosa fortuna, noi entriamo nel nuovo prosperoso anno 1612”. Il bigliettino era piegato in forma di rosa.

Un altro biglietto di auguri storico di cui si è a conoscenza venne commissionato da Sir Henry Cole e illustrato da John Callcot Horsley a Londra, il primo di maggio del 1843. Il bigliettino recava l’immagine centrale di una famiglia che brindava verso il ricevente, mentre ai lati erano state illustrate scene caritatevoli, con cibo e abiti che venivano donati ai poveri.

Primo bigliettino di Natale 1943
Primo bigliettino di Natale -1843

L’idea piacque alla casa editrice Penny Post che produsse 2050 cartoline di Natale, vendute quell’anno per uno scellino a testa.

Nel 1873 la ditta Prang e Mayer cominciò a creare le prime cartoline di Natale per il mercato inglese, e poi si spostò l’anno dopo anche sul mercato americano. Già nel 1880 Prang produceva oltre 5 milioni di di cartoline ogni anno, utilizzando la tecnica della cromolitografia.

Antico bigliettino di auguri di Natale

L’avvento delle cartoline postali mise fine agli elaborati biglietti di auguri in stile vittoriano, anche se già negli anni 20 del ‘900 le moda dei bigliettini inviati in busta chiusa tornava a farsi viva.

Con l’avvento della prima guerra mondiale si sentì l’esigenza di creare cartoline di Natale da inviare ai soldati, spesso recanti temi patriottici e propagandistici.

Le cartoline di Natale ovviamente hanno subito una grande evoluzione durante gli anni, e molte sono figlie dei loro tempi… Quello che è certo e che è rimasto invariato, è che è sempre un piacere riceverne una.

Cartoline di Natale Istituzionali

Le cartoline di Natale, nel corso dei secoli hanno ricoperto anche un ruolo politico importante: la Regina Vittoria nel 1840 cominciò la tradizione di inviare cartoline di Natale ufficiali ai regnanti d’Europa. Tradizione che la famiglia reale britannica porta avanti ancora oggi, usando come soggetti ritratti ufficiali dei membri della famiglia in occasione di eventi particolarmente significativi.

Anche la Casa Bianca ha una lunga tradizione di Cartoline di Natale personalizzate. La tradizione ebbe inizio con il Presidente Calvin Coolidge nel 1927 e proseguì con il presidente Franklin Delano Roosvelt che per primo utilizzò una “cartolina di Natale” vera e propria, invece che la nota presidenziale utilizzata precedentemente.

Nel 1953 il Presidente Dwight D. Eisenhower fece creare la prima cartolina ufficiale della Casa Bianca. Le cartoline generalmente raffiguravano  scene della casa Bianca disegnate da prominenti artisti americani.

Bigliettino di auguri di Natale della Casa Bianca

Cartoline di Natale di beneficenza

Ovviamente, visto il periodo dell’anno e visto il loro scopo, negli anni le Cartoline di Natale sono state utilizzate anche allo scopo di fare beneficenza. Molti enti benefici, tra cui l’UNICEF le hanno adottate allo scopo di raccogliere fondi, creando appunto una serie di cartoline a tema i cui proventi vengono appunto dati in beneficenza.

 

Precedente Il Galateo Natalizio Successivo Mercatini di Natale 2018

Lascia un commento